LUCA PALTENGHI

logo
Cerca nel sito
 5 visitatori online

Opinioni

PostHeaderIcon Avanza la raccolta firme in favore della circonvallazione Agno-Bioggio!

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button

All’incirca un mese fa, un comitato interpartitico coordinato da Luca Paltenghi, consigliere comunale a Magliaso e composto anche da Piero Marchesi, Sindaco di Monteggio, Samuele Gottardi, consigliere comunale a Caslano, Andrea Sciolli e Letizia Sciolli, consiglieri comunali a Pura, ha lanciato una petizione che chiede alla Confederazione di rivedere la propria decisione di non concedere i sussidi per la costruzione della circonvallazione Agno-Bioggio.

Nonostante il periodo vacanziero, finora sono state raccolte quasi 450 firme: l’obiettivo è naturalmente molto più ambizioso e per questo è stata chiesta la collaborazione dei Comuni facenti parte della Commissione regionale dei trasporti del Luganese. Alcuni Municipi hanno già comunicato la loro adesione ufficiale, la quale verrà allegata alle firme raccolte: si tratta di Caslano, Collina d’Oro, Cureglia, Gravesano, Magliaso, Monteggio, Paradiso e Vico Morcote. Questi ed altri comuni hanno messo a disposizione dei cittadini i formulari per la raccolta firme tramite le proprie cancellerie. Naturalmente auspichiamo che anche altri comuni, in particolare quelli della regione toccati direttamente, diano il proprio sostegno alla petizione: per questo lanciamo loro un appello pubblico!

Invitiamo quindi chi non lo avesse ancora fatto a firmare la petizione online su http://www.activism.com/it_CH/petizione/la-confederazione-sussidi-la-circonvallazione-agno-bioggio/44667 oppure in formato cartaceo, scrivendo a luca.paltenghi@gmail.com per ottenere i formulari.

È importante muoversi compatti in favore di questo progetto, perché se è vero che una soluzione a livello cantonale sembra comunque profilarsi, è altrettanto vero che questa chiederà uno sforzo finanziario non indifferente al Cantone e ai comuni della regione, che si vedrebbero praticamente costretti ad aumenti del moltiplicatore per pagare l’opera. I sussidi federali sarebbero perciò un grande aiuto per la costruzione di una circonvallazione che la Confederazione stessa giudica positivamente.

Le firme verranno raccolte fino al 10 settembre 2013 ed in seguito consegnate alla Cancelleria federale. La data esatta di consegna verrà comunicata ad inizio settembre.

Comitato per la petizione “La Confederazione sussidi la circonvallazione Agno-Bioggio!”

 

PostHeaderIcon Circonvallazione Agno-Bioggio: lanciata una petizione!

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button

Come noto, la Confederazione ha recentemente annunciato che la circonvallazione Agno-Bioggio non ha un rapporto costi-benefici sufficiente da giustificare un sussidio federale per la sua costruzione.

Le prese di posizione nelle ultime settimane sono state numerose e siamo certi che il mondo politico, Consiglio di Stato e Municipi della regione in primis, reagirà ufficialmente chiedendo di riconsiderare la situazione, in vista della decisione definitiva che cadrà ad ottobre.

Siamo però convinti che il contributo della popolazione ticinese, in particolare dei cittadini malcantonesi direttamente toccati dal problema, sia fondamentale. Per questo motivo, dopo aver invitato a scrivere direttamente alla consigliera federale Doris Leuthard, abbiamo optato per il lancio di una petizione all’attenzione del Consiglio federale (clicca qui per scaricarla). Le firme verranno raccolte fino al 10 settembre 2013 ed in seguito saranno consegnate alla Cancelleria federale. Naturalmente tutti i partiti e i comuni della regione saranno informati sul lancio della petizione, in modo che possano sostenerla ufficialmente.

La petizione potrà essere firmata in formato cartaceo oppure online all’indirizzo: http://www.activism.com/it_CH/petizione/la-confederazione-sussidi-la-circonvallazione-agno-bioggio/44667

Ci auguriamo che la popolazione raccolga in massa l’invito a sottoscrivere la petizione, poiché l’unico modo per ottenere un risultato è quello di mostrarsi uniti!

 

Luca Paltenghi, consigliere comunale, Magliaso (primo firmatario della petizione)

Samuele Gottardi, consigliere comunale, Caslano

Piero Marchesi, Sindaco, Monteggio

Andrea Sciolli, consigliere comunale, Pura

Letizia Sciolli, consigliera comunale, Pura

 

PostHeaderIcon Scriviamo a Berna perché vengano concessi i sussidi alla Agno-Bioggio!

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button

Oltre alle pressioni che devono arrivare dal mondo politico, Consiglio di Stato e Deputazione ticinese in primis, anche il comune Cittadino ticinese e malcantonese in particolare deve far sentire la propria voce, scrivendo alla consigliera federale Doris Leuthard affinché riveda la sua decisione! La speranza è ridotta ad un lumicino e difficilmente si otterrà un cambiamento, ma un segnale, una reazione vanno dati. Lo dobbiamo ad una regione ormai sommersa dal traffico!

Pagina FB: https://www.facebook.com/agnobioggio

Ecco una bozza di lettera che può essere utilizzata ed adattata a piacimento e che io ho utilizzato quest'oggi.

 

Nome Cognome

Via

Domicilio

 

Gentile signora

Doris Leuthard

Dipartimento federale dell’Ambiente, dei Trasporti, dell’Energia e delle Comunicazioni

Palazzo federale nord

Kochergasse 10

3003 Berna

 

 

Luogo, data

 

Circonvallazione Agno-Bioggio


Onorevole Consigliera federale Doris Leuthard

Mi riferisco alla recente comunicazione secondo cui il Consiglio federale non proporrà il finanziamento tramite sussidio federale della circonvallazione Agno-Bioggio, progetto di estrema urgenza per cui il Gran Consiglio ticinese ha già stanziato un credito di circa 133 milioni di franchi. Oltre a ciò, anche il progetto relativo alla rete tram viene ritenuto dalla Confederazione di classe B, e non di classe A, con il risultato che il sussidio non verrà concesso prima del 2019.

La regione del Malcantone è ormai da decenni nella morsa costante del traffico, mentre numerosi suoi comuni sono letteralmente tagliati in due dalla strada cantonale. Ecco perché la costruzione della circonvallazione Agno-Bioggio costituisce un importante passo verso una soluzione, in attesa di ulteriori progetti che vadano anche a beneficio degli altri comuni del Basso Malcantone e della regione tutta (variante C2). Combinando questi progetti con il potenziamento del trasporto pubblico ridaremmo vita ai nostri comuni e restituiremmo alla mobilità lenta le attuali strade cantonali.

La invito a constatare di persona la disastrosa situazione, con code anche in entrambe le direzioni, non soltanto nelle ore di punta! Uscendo dall'autostrada a Manno si troverà in mezzo a 20'000 veicoli che quotidianamente percorrono la strada e che diventano 30'000 ad Agno, a causa dei veicoli che scendono dalla Piodella! Da lì proseguirà per Ponte Tresa: se tutto va bene ci metterà circa un'ora per percorrere meno di 9 km! Spesso verificare di persona la situazione vale più di mille parole!

Purtroppo, senza sussidi federali, difficilmente il Cantone e i comuni interessati potranno portare avanti i progetti menzionati precedentemente! Ecco perché la invito a rivedere la decisione presa e a concedere i sussidi federali alla circonvallazione Agno-Bioggio!

Con la massima stima.

 

Nome Cognome

 

PostHeaderIcon Circonvallazione Basso Malcantone: dibattito a "Democrazia diretta"

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button

Ieri sera ho partecipato al maxidibattito di "Democrazia diretta", in onda su RSI La2.

Il link della trasmissione: http://www.rsi.ch/home/channels/comunicazione/info_on_line/2013/03/25--Democrazia-Diretta-La-1-Democra

Dal minuto 33:14 il mio intervento contro l'iniziativa, per non cancellare il lavoro fatto finora per la circonvallazione Agno-Bioggio e per la variante C2!

 

PostHeaderIcon Basso Malcantone: non facciamoci incantare dalle sirene!

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button

Il prossimo 9 giugno saremo chiamati a votare sull'iniziativa popolare "Circonvallazione del Basso Malcantone tutta in galleria", lanciata dalla Lega in concomitanza con la campagna per le elezioni comunali del 2012. In particolare, l'iniziativa è stata fortemente voluta da un candidato per la sua campagna nel comune di Bioggio e sostenuta dai vertici di Via Monte Boglia.

Nonostante io sia stato fin da subito scettico su quest'iniziativa, ho letto con interesse l'articolo "Ecco perché bisogna votare SÌ!!" pubblicato sul Mattino della Domenica del 19 maggio.

Ho già rilevato in passato come l'idea proposta di una galleria unica tra Bioggio e Ponte Tresa non sia priva di fascino e sia stata anche portata avanti tramite un'interrogazione dal gruppo UDC in Gran Consiglio qualche anno fa. La proposta è stata però bocciata in quanto i costi stimati sarebbero altissimi: si aggirerebbero infatti oltre i 700 milioni di franchi! Non possiamo quindi attenderci che la Confederazione ne finanzi in parte la costruzione: infatti, già la circonvallazione Agno-Bioggio contenuta nel PAL1 fu respinta tra l'altro per una questione di costi elevati (circa 200 milioni di franchi); per ottenere un sussidio federale si decise poi di ripresentare l'opera nel PAL2 rinunciando almeno per il momento all'interramento sotto il Vedeggio in zona aeroporto e riducendo i costi a 133 milioni di franchi. È falso dire che la Confederazione ha rifiutato di finanziare la Agno-Bioggio, poiché si è tuttora in attesa di una risposta al nuovo progetto. Approvare l'iniziativa, vorrebbe dire però cancellare quel poco che è stato costruito nel PAL2, perdere sicuramente il sussidio federale ed eventualmente riproporre un PAL3 non prima del 2016, senza nessuna garanzia di ottenere un centesimo, cosa invece più probabile per i progetti contenuti nel PAL2! La costruzione di una galleria non comincerebbe prima del 2030!

È poi inutile illudersi (e illudere i cittadini) che un'eventuale galleria unica Bioggio-Ponte Tresa entrerebbe ad opera compiuta nella rete delle strade nazionali! Abbiamo visto che anche la Mappo-Morettina per lunghi anni non ha fatto parte della rete nazionale. L'entrata nella rete nazionale non è scontata né per i progetti esistenti né per i progetti leghisti, quindi i costi di gestione sarebbero in ogni caso a carico del Cantone.

Ecco perché, seppure perfettibile, la soluzione prospettata oggi è migliore: la costruzione della circonvallazione Agno-Bioggio potrebbe partire già nel 2015 (il credito è stato votato e l'iter progettuale è già in corso) per concludersi entro il 2020-22. In fondo, prima che l'idea di una galleria unica fosse rispolverata, anche i leghisti presenti in Gran Consiglio e in commissione (Attilio Bignasca, relatore, e Michele Foletti) l'approvarono. L'improvviso cambiamento in concomitanza delle elezioni comunali appare sospetto. Anche diversi leghisti del Malcantone hanno fin da subito espresso dubbi sull'iniziativa, non intervenendo nella raccolta firme: cambiare progetto ora che si è faticosamente cominciato qualcosa? E tutto questo per un'iniziativa voluta per sostenere la campagna per le elezioni comunali di una persona?

Meglio portare avanti le proposte attuali, battendosi per la seconda parte del progetto che sgraverebbe il Basso Malcantone dal traffico, ovvero la variante C2 prevista nel PAL2 senza una data precisa e che prevede una galleria tra Magliaso e Ponte Tresa: questa variante va rivista in particolare per quel che riguarda i suoi accessi in zona Vigotti a Magliaso e lungo la Tresa, in quanto sicuramente non ottimali.

Siccome una buona base di partenza l’abbiamo, non facciamoci incantare dalle sirene di un progetto difficilmente realizzabile e votiamo no all’iniziativa!

 

Pubblicato sul Corriere del Ticino del 25 maggio 2013


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 19
© All rights reserved | developed by softCodex | design by TIPAGE