Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button
La "scheggia" di TicinoLibero pubblicata a proposito dell'interrogazione del Gruppo Lega-UDC-Ind. di Magliaso sull'opportunità d'intitolare la passeggiata al lago tra Magliaso e Agno a Bill Arigoni mi dà l'opportunità di spiegare brevemente i motivi che ci hanno portati a questa scelta, qualora dal nostro intervento non risultassero sufficientemente chiari.
La nostra riflessione è partita dalla notizia dell'aggiornamento dello stradario della Città di Lugano e dalla successiva consultazione della recente Ordinanza sulla toponomastica, lo stradario e la numerazione civica che, seppure non si applichi evidentemente al nostro Comune, abbiamo ritenuto meritevole d'attenzione. All'art. 8 cpv. 2 leggiamo infatti che "Nessuna area di circolazione può essere denominata a persone che non siano morte da almeno dieci anni, e ciò per evitare scelte dettate da visioni settoriali o dalla spinta emotiva che segue la scomparsa." Credo che le motivazioni della nostra interrogazione siano contenute tutte in quest'articolo che non necessita di essere ulteriormente sviluppato: un politico è una persona che divide, a maggior ragione se le sue posizioni erano ben profilate e se la memoria e la tragicità della sua morte sono ancora vive. Figuriamoci che c'è ancora chi storce il naso per vie e autosili dedicati al buon Giuseppe Motta che fu addirittura Consigliere federale! D'altronde, per fare un altro esempio, qualcuno ha mai pensato d'intitolare una via a Flavio Maspoli, uno dei pochi politici ticinesi che venivano ascoltati a Berna?
Non è necessario ricordare le parole del segretario cantonale UDC Eros Mellini che giustamente parlava di "togliersi rispettosamente il cappello" di fronte all'avversario politico in occasione della morte di Bill Arigoni. Il nostro Gruppo (e non solo il sottoscritto) nell'inoltrare l'interrogazione non ha voluto certo mancare di rispetto a Bill Arigoni, ma portare uno spunto di riflessione anche per casi futuri e proporre un'alternativa (la targa commemorativa). D'altro canto, nonostante la profonda diversità ideologica tra il sottoscritto e Bill Arigoni, vi sono state diverse sue battaglie che ho condiviso, penso in particolare a quella contro lo zoo e a quelle fatte per Marche Blanche, per cui la mia posizione non è senz'altro macchiata da pregiudizio.

Commenti  

 
0 #5 Administrator 2012-05-28 13:53
L'ho percorsa oggi per la prima volta ed ho notato che in effetti di Robydog non ve ne sono, mentre i cestini sono stati installati, ma solo due lungo tutto il percorso, decisamente pochi.
Citazione
 
 
+1 #4 Nino Tarchini 2012-05-27 20:56
Percorro per la prima volta la passeggiata dedicata a "Bill Arigoni" e constato che lungo tutta la passeggiata non è stato previsto nessun cestino dei rifiuti e nessun “Robydog” per gli escrementi dei cani. Inoltre aver lasciato due lunghi tratti in terra battuta e ghiaia, pericolosa per le biciclette e fastidiosa per i pedoni non mi sembra essere una buona soluzione.
Citazione
 
 
0 #3 Fabio Baiardi 2012-05-17 18:40
Egregio signor Paltenghi,

Ha centrato il punto: non si tratta di una questione fondamentale.
In effetti, malgrado Magliaso possa essere considerata un'isola (quasi) felice, ci sono altre soluzioni da trovare a problemi ben più importanti.

Ragione per la quale ho considerato il suo intervento intellettualmen te fuorviante e fuori contesto.

Cordialmente.

FB
Citazione
 
 
0 #2 Administrator 2012-05-17 17:29
Egregio signor Baiardi

La ringrazio per il commento, finora ho ricevuto diversi pareri positivi sull'interrogazione, ma siccome è dalla critica che si impara mi interessa sapere per quale motivo ritiene intellettualmen te fuorviante e fuori contesto ispirarsi all'ordinanza della città di Lugano. Il principio che vi è contenuto secondo me è applicabile a Lugano, a Magliaso, ad Airolo, a Chiasso o a Corippo. Senz'altro l'interrogazione sarà votata all'insuccesso dato che i Municipi sembrerebbero aver deciso, ma ritenevamo comunque giusto inoltrarla.

Certamente, me la sentirei di raccogliere le firme a Magliaso, ma siccome non si tratta di una questione fondamentale per il comune non credo sarebbe opportuno: sono altri i problemi che necessiterebber o eventualmente di una raccolta firme.

Cordiali saluti.
Citazione
 
 
0 #1 Fabio Baiardi 2012-05-17 14:34
Égregio Signor Paltenghi,

Senza volere entrare nel merito del personaggio Arrigoni, stimato anche dai suoi avversari politici, e del suo tragico decesso, ritengo la sua ispirazione all'ordinanza della citta di Lugano intellettualmen te fuorviante e fuori contesto.

Certo, in politica così come in tante altri ambiti della vita, bisogna riflettere trasversalmente e trovare soluzioni talvolta originali per avere successo. Ma in questo ambito mi sembrerebbe inopportuno e probabilmente votato all'insuccesso.

Piuttosto, Se la sentirebbe di raccogliere le firme necessarie tra gli abitanti di Magliaso affinché il lungolango venga denominato differentemente da "Bill Arrigoni?

Cordiali saluti,

FB
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna